Ultime notizie
Ti trovi qui: Home / Racconti di Viaggio / Viaggi in Africa / Marocco / Marocco

Marocco

Finalmente dopo innumerevoli viaggi a tariffa piena  sono riuscita a comprare un biglietto con le miglia Alitalia.
Volo diretto Roma-Casablanca arrivati li ci dirigiamo verso l’ufficio dell AVIS dove abbiamo già prenotato dall’Italia un auto per un giorno per arrivare ad Essaouira.
Iniziano i primi problemi perché l’addetto dell’agenzia dice che la tariffa è superiore rispetto a quella confermata dalla società internazionale e ci propone di farci accompagnare da un suo cugino. Dopo circa 30 minuti di conversazioni siamo riuscirti ad ottenere la macchina alla cifra prestabilita. Il viaggio è durato circa 5 ore, i paesaggi si alternavano di continuo, il traffico è stato rallentato da carretti trainati da muli e bambini che camminavano a bordo strada.
Splendida pausa pranzo a base di pesce fritto a El Jadida.
Ad Essaouira ho scelto di alloggiare al Riad al Medina  il Riad che ha ospitato artisti come Jimi Hendrix e Frank Zappa, dove ero già andata precedentemente e me ne ero letteralmente innamorata. Un grande portone blu sulla strada principale e poi all’interno un fantastico cortile con le fontane piene di petali di rosa. La stanza che ho prenotato si è rivelata una suite molto carina su due piani con un balconcino assolato. Cena in un ristorantino sulla strada principale, molto frequentato da locali che bevevano alcolici di nascosto.

Essaouira

Essaouira

La colazione ha confermato le mie aspettative, una fantastica crépe e un puncacke ricoperto di miele, frutta fresca e te alla menta.
Con il sole ben alto è iniziato il nostro giro per il paesino, dimenticavo di dire che il fascino di Essaouria sta nel fatto che è un borgo del 1200 mantenuto quasi totalmente intatto dove anche le persone continuano a vestire gli abiti tradizionali. La mattina è molto piacevole passeggiare sulla spiaggia, affittare un ombrellone con i lettini e godere del sole dell’africa osservando le onde. Poi vi consiglio fortemente di andare a pranzo vicino alle mura della città dove troverete una serie di chioschetti che servono pesce cucinato alla griglia, davvero fenomenale! Specialmente i crostacei!
Essendo io un’amante delle terme ho chiesto al mio riad se mi riservava l’hammam per un’ora, ho indossato il mio accappatoio bianco e sono scesa al piano terra dove una signorina mi ha fatto comodamente entrare in una stanza piastrellata, sedere su di un piccolo sgabello e mi ha illustrato come miscelare l’acqua per poi buttarmela addosso con una brocca. Un po’ delusa dal mio hammam marocchino ho deciso di rimanerci meno dell’ora che avevo prenotato. La sera mi sono goduta l’atmosfera orientale andando a cena in un delizioso localino al ridosso dei bastioni con arredamento marocchino dove servono ottimi cus cus di pesce e carne.
Il nostro ultimo dell’anno marocchino inizia nella maniera migliore, con lo shopping! Ed io in questo sono compulsava! Se nel vostro viaggio prevedete anche una tappa su Marrakech vi consiglio di comprare ad Essaouira solo gioielli tuareg o berberi, se siete appassionati di pietre come me potete divertirvi a scegliere singoli pezzi di resina d’ambra o turchesiper poi dar sfogo alla vostra creatività. Dopo un pranzo a base di pesce e numerosi te alla menta, non perdetevi il tramonto dai bastioni, è una esperienza che vale il viaggio.

MAROCCO
Il nostro Riad metteva come paletto alla prenotazione di una stanza nel periodo natalizio, che si cenasse la notte di capodanno per la modica cifra di 80€ a persona. La serata è stata ben organizzata ed il cibo buono, ma non vi consiglio una soluzione di questo tipo, in giro ho trovato delle feste molto più carine a prezzi decisamente ridotti. Dopo la mezzanotte siamo andati a festeggiare in un bar ristorante che da sulla piazza aperta al mare, con delle terrazze veramente belle; per chi di voi l’ha visto in quel bar è stato giratoli film Last Minute Marocco.
Dopo una colazione abbondante e un ultimo saluto all’oceano ci siamo diretti verso Marrakech in macchina.
Vi consiglio di fare una sosta in una delle cooperative locali che producono olio di Argan, potrete degustare una specie di nutella locale buonissima e comprare un sacco di saponi e creme, per informazione l’olio essenziale di Argan vi può risultare un po’ caro, ma è un vero affare a confronto con quanto lo potete pagare in Europa.
Il viaggio è stato relativamente breve, il problema lo abbiamo incontrato entrando in città. Io sono di Roma, quindi abituata al traffico caotico, ma qui siamo di fronte a qualcosa di sovrannaturale per di più con poche indicazioni e molto confuse. Per complicarci la vita un taxi ci è venuto a dosso e siamo stati circa 3 ore a capire come e se ci avrebbe dato o meno i documenti.
Una volta conclusa questa diatriba ci siamo diretti verso il nostro Riad, il Riad Amina che si trovava all’interno della Medina, lo consiglio fortemente in modo da poter godere a pieno dell’atmosfera di Marrakech. Non è assolutamente vero che la Mediana è pericolosa, anzi c’è molta polizia in giro.
Il Riad Amina, è una bellissima struttura antica, ristrutturata, con delle stanze molto accoglienti e una parte comune veramente notevole, per la cifra di circa 125€ al giorno.
La sera ci siamo diretti a Piazza Djemaa el Fna per consolarci con un buonissimo cus cus con frutta secca. La piazza pullula di ristoranti di atmosfera e stranamente non eccessivamente turistici; la media del cibo è buona.

Marrakech

Marrakech

Visita alle diverse Mederse e Moschee della città e ci siamo addentrati qualche ora nel souq, abbiamo pranzato su una terrazza all’interno della Casba al Cafè des espices e poi cena Dar Moa, un bellissimo ristorante elegantissimo a menù fisso, ci sono tantissime portate per circa 50€ a persona.
Visita del Souq delle Concerie e poi tutti gli altri souq, insomma un altro giorno dedicato allo shopping, gioielli etnici, pietre, ambre resine, sete..sono nel mio paradiso!
Poi visita alla Koutoubia, al giardino botanico e ancora te e pasticcini, la sera cena al Marrakichi (024 443377) ristorante proprio sulla piazza Djemaa el Fna tutto pieno di arabeschi e fontane che propone un’ampia varietà di cus cus per una cifra modesta, necessario prenotare.

Nel mio ultimo giorno a Marrakech meglio lasciarsi trasportare dal ritmo marocchino, tra un pasticcio alle mandorle e un te alla menta, per poi concludere la sera in un elegantissimo ristorante all’interno della Medina in un palazzo d’epoca.

MAROCCO

Partenza per Casablanca con un comodo treno, vi consiglio la prima classe in quanto la differenza è minima; i treni ci sono ogni ora circa, quindi andate pure in stazione quando vi è più comodo ed aspettate il primo treno.
Dopo circa 2 ore e 30 vi troverete al centro di Casablanca e con un taxi piccolo potrete andare direttamente al vostro hotel.
Io alloggiavo al Hotel Transatlantique molto in voga negli anni 60, adesso un po’ retrò ma devo dire accogliente e carino.
Se andate a Casablanca non può mancare la visita alla Mschea Hassam II la più grande del mondo, davvero impressionate, ci sono visite guidate in tutte le lingue e la visita dura circa 2 ore! Per cena vi consiglio di andare verso il porto, troverete un sacco di ristorantini dove mangiare buonissimo pesce a prezzi bassissimi, la prima sera siamo andati alla Taverne du Dauhin, vi consiglio i calamari fritti e le ostriche.
Secondo me a Casablanca oltre la Moschea Hassam II vale la pena di andarci per fare una visita all’Anciene Medina, meglio nota con il nome di Quartier Habous.
E’ un quartiere moto caratteristico, vicino al palazzo reale, è molto tranquillo e pieno di pasticcerie e negozietti.
Sicuramente molto conveniente se cercate lampade in ferro battuto o lanterne, lì troverete sicuramente oggetti migliori di quelli di Marrakech e a prezzi più contenuti.

MAROCCO6
Ricordatevi che dato che i prezzi non vengono gonfiati, non avrete molto margine di negoziazione. La sera cena al ristorante Al Mounia molto bello ed elegante con uno splendido patio ombreggiato da un enorme albero.
Dopo una ricca colazione e aver fatto entrare tutti i nostri bagagli in un taxi ci dirigiamo verso l’aeroporto dove prendiamo il volo per Roma e in pomeriggio siamo di ritorno a casa. Fine della nostra avventura, ora mi resta la cosa più divertente … mettere a posto quello che mi sono comprata!
Per info sui gioielli etnici dal sapore d’oriente vai alla sezione Gioielli dal Mondo.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Scroll To Top