Ultime notizie
Ti trovi qui: Home / Racconti di Viaggio / Viaggi in Europa / Vacanza a Creta

Vacanza a Creta

Il racconto di Pietro, della sua vacanza a Creta

Alla fine di aprile Easyjet usciva con un grande promo su internet.

Creta/Heraklion a 34 euro solo andata!

Bene ho pensato,lo compero

Ed eccomi qui a raccontarvelo,se non annoia troppo!

Molti ci vanno per vedere Knosso e Phestos ma non essendo il mio articolo ho voluto solo girare come capita per un’ isola nel bel mezzo dell’Egeo. Ho dormito una notte ad Heraklion e alle otto del mattino ero seduto sullo scalino dell’affitta macchine. Mi hanno dato una panda gialla e semi nuova. In agenzia ho chiesto se era meglio andare a destra o a sinistra e sono partito! La costa che va verso Chania è interessante ma non troppo e i paesi si susseguono con velata monotonia.

Bello il mare e buona la strada ma tutto è un po’ troppo vissuto.

Chania (si dice Ania) è un lembo della Venezia del settecento e ci sono stato bene ma se un mattino verso le sei uno entra in un cimitero militare che dorme in una baia tranquilla e gira tra le bianche lapidi in un prato rasato di fresco….. Erano millesettecento ed il più vecchio aveva ventotto anni! La strada che va a Balos si inerpica sulla montagna cotta dal sole, si fa in prima ed il pericolo maggiore è guardare giù nello strapiombo blu cobalto! Poi tutto finisce ma il bello deve arrivare!

Bisogna salire e poi scendere lungo una mulattiera infernale e sotto un sole implacabile. Una visione lunare in un contesto caraibico.

Elafonissi ha un senso se visto alle otto del mattino quando l’arabesco d’avorio è ancora immobile e muto ed io c’ero.

Capre e sassi,valli assolate e inospitali,paesi di pietra arroccati.

Creta vive solo deve le tiepide acque si insinuano nelle profonde baie e tutto prospera nel turismo e la bellezza del mare è strabiliante!

A Lutro ci si arriva in quaranta minuti di traghetto da Hora Scaphion e per mezza giornata ti senti ostaggio di una bella cartolina.

Ho dormito una notte sulle Montagne Bianche al profumo dei mirti e al canto dei galli poi sono andato a Xerocampo,magico nulla dell’estremo sud ovest. Brutta Heraklion,congestionata e calda. Troppo

La ragazza del bar aveva problemi tra destra e sinistra ma alla fine la “bus station”me la sono trovata da me salendo sul primo taxi che passava!

Matala è al sud e da sul mar libico. E ’un paese tranquillo che sonnecchia tra spettacolari falesie color ocra ma ha conosciuto giorni di fuoco al tempo degli hippys che qui sostavano prima di avventurarsi sulle strade dell’India misteriosa.”Red beach” è bellissima.

In quattro ore e tredici euro si arriva col traghetto nella caldera di Santorini. E’ una delle meraviglie del mondo e l’apice l’ho trovato ad Oia, un rosario di bianche casette che imbianca la punta nord dell’isola.

L’ho vista alle sette del mattino e tutto mi è parso perfetto!

“Lasciare la macchina in questa curva non va bene perché ci devo passare io!” Barba incolta, viso cotto dal sole e giacchetta stracciata qua e là.

Un bastone per appoggiarsi e le dita dei piedi che fuoriuscivano da un paio di scarpe troppo vecchie. Gli risposi in francese ed in spagnolo ma mi fermò subito chiedendomi perché mai non parlassi italiano…

”Abito a ….., gli dissi, vicino a Savona e tu di dove sei?” –

“Sono di tanti posti rispose, ho fatto il liceo Chiabrera e mio padre era un carabiniere che sposò un’egiziana. Voi dite Savona ma si chiama Sanna!” Ci salutammo come due vecchi amici ed ognuno andò per la sua strada.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Scroll To Top