Ultime notizie
Ti trovi qui: Home / Racconti di Viaggio / Viaggi in Sudamerica / Argentina / Patagonia

Patagonia

Proximo destino Patagonia Austral!

È così che inizia il mio viaggio verso la fine del Mondo!
Bisogna essere preparati all’idea che al ritorno voi non siate più gli stessi, quindi scegliere il libro giusto come compagno di viaggio è fondamentale, io vi consiglio In Patagonia di Bruche Chatwin, Il mondo alla fine del mondo e Patagonia Express di Sepulveda.
Febbraio, a Roma piove di continuo, ma qui gira tutto al contrario, è estate piena!!
Dopo solo 14 ore di volo atterro a Buenos Aires pronta per la mia connection per El Calafate, faccio una corsa al terminal B e riesco a prendere il volo delle 10:05, che ovviamente è in netto ritardo considerando che ad Ezeiza esiste solo un filtro di controllo per i voli nazionali! Il volo fa scalo a Bariloche e l’unico lato positivo è la stupenda vista che si può godere da un posto finestrino. Dall’aeroporto di El Calafate esiste un comodo servizio di bus che ti porta direttamente al tuo Hostal con 40AR$ e l’andata ti fa guadagnare il 40% di sconto sul ritorno.

Perito Moreno - Argentina - Patagonia

Perito Moreno – Argentina – Patagonia

Ho scelto Hostal Glaciar Libertador una struttura in legno tipo casa vittoriana, molto carina, dove un posto letto in una camera da 4 con bagno privato costa 50AR$ (con sconto per possessori di tessera HI). Altre strutture valide sono: Hostel Glaciar Pioneros, Hostel Che Lagarto, ambiente giovane sale in comune ampie con grandi vetrate, Hostel I Keu Ken, non è centralissimo ma l’ambiente raccolto e frequentato da viaggiatori alternativi ne fanno uno degli hostal più richiesti, una volta alla settimana organizza un asado per gli ospiti. Molto carini sono Hostel de las Manos (www.hosteldelasmanos.com.ar), l’Hotel Ariel (www.hotelariel.com.ar) o se volete salire un po’ di categoria e rilassarvi davanti al fuoco o in una piscina coperta climatizzata Hotel La Loma (www.lalomahotel.com). Un po’ fuori dal centro sulle rive del Lago Argentino ci sono numerosi cottage di legno con vetrate mozzafiato dai quali godere della vista di fenicotteri rosa che pescano nel lago; la struttura più ricercata è il Design Suite Hotel (Plaza Lago Argentino) una struttura di vetro e legno, nel quale in ogni stanza sono esposte opere d’arte contemporanea; bellissima la sala da pranzo con vista sul lago. Il mio hostel ha una sua agenzia di viaggi che organizza escursioni alternative, io dall’Italia avevo prenotato il “tour alternativo al Perito Moreno” lo raccomando.

Lama sulla Cordigliera delle Ande - Argentina

Lama sulla Cordigliera delle Ande – Argentina

La giornata si articola con un percorso alternativo 1h di trekking a lato del ghiacciaio, due ore per godere dei uno dei panorami più belli del mondo, nella zona delle passerelle del Perito Moreno, dove abbiamo potuto mangiare (pranzo al sacco comprato individualmente) contemplando questo spettacolo. Nel pomeriggio è previsto un giro in barca su Brazo Rico del Lago Argentino con meraviglioso spettacolo di pezzi di ghiacciaio che si rompono davanti ai nostri occhi. Se avete intenzione di fare la giornata “Tutti i ghiacciai “ comprensiva di Lago Argentino con Glaciar Upsala Onelli e Spegazzini potete evitare la visita in barca al brazo rico, dirigendovi solo alle passerelle del Perito Moreno. La Patagonia per noi europei non è eccessivamente cara, ma le escursioni decisamente si! quindi valutate bene quali valgono veramente la pena per voi. L’escursione “tutti i ghiacciai” la organizza solamente l’agenzia Solo Patagonia che ha sostituito la Fernandez Campbell (che troverete in tutte le guide) è comprabile in ogni agenzia della zona pagamento in contanti 345 AR$ pranzo escluso + 100AR$ per entrare nel parco. Un’esperienza decisamente unica è fare ice trekking sul Perito Moreno, una barca vi accompagnerà nella parte sud del ghiacciaio dove farete 2 ore di  passeggiata con i ramponi, organizzato da Hielo y Aventura prezzo circa 500AR$ per 3h; per fare ice climbing però dovrete spostarvi sul Lago Viedma. Se pensate di rimanere qualche giorno in più a El Calafate vi consiglio la visita al Bosque Petrificado de la Leona (350AR$ pranzo al sacco incluso) a circa 1h dal paese è possibile visitare la Estancia la Leona una locanda storica di inizio secolo con splendida vista su Fiz Roy e Cerro Torre! I proprietari della estancia hanno un canyon molto grande con un paesaggio a dir poco lunare al cui interno sono rimasti conservati resti di alberi e di ossa di dinosauri. L’escursione è molto emozionante io sono stata particolarmente fortunata perché ero accompagnata da un team di 8 paleontologi che visitavano il sito per la prima volta e ci hanno spiegato cose che credo altrimenti non avrei mai saputo nella mia vita. Attenti che se il vento smette di soffiare e la giornata è bella il canyon diventa un forno, portatevi una crema con protezione alta!

Fiz Roy - Argentina - Patagonia

Fiz Roy – Argentina – Patagonia

El Calafate è un paesino davvero carino, c’è un sacco di movimento e di posti carini dove mangiare e fare shopping. Per la cena vi consiglio Mi Viejo se avete voglia di una parrilla o ancora meglio di cordero asado, ma se vi va una cucina più casereccia andate da El Cucharron, come dice la Lonely ha davvero un’ottima qualità di cibo e il vino di Mendoza è fantastico.
Vera Cruz (Avenida Libertador) spazio esterno, varietà di economici piatti combinati e wi-fi gratuito. La Vaca Asada, ambiente informale molto amato dai turisti tedeschi.
Per un aperitivo un momento di relax o una birra andate da Fernandez il posto più “ggggiovane” di El Calafate, con ottime selezione di birre e wi-fi.

Perito Moreno - Argentina - Patagonia

Perito Moreno – Argentina – Patagonia

Se scendete fino alla Patagonia australe non perdetevi nel conto dei km e cruzate la Cordillera de las Andes! Andate in Cile al Parque de las Torres del Paine. E’ una distesa enorme di montagne di granito, vallate, ghiacciai fiumi e lagune azzurre. Un posto senza uguali nel mondo, anche se non facilissimo da raggiungere. Prendete un pullman da El Calafate per Puerto Natales, compagnia Cotra; ce ne è uno alle 8:30 e uno alle 18:00, tempo di percorrenza circa 5 h. Ricordatevi che in Cile non è possibile far entrare prodotti alimentari freschi quindi mangiatevi tutto prima.
Arrivati a Puerto Natales avrete una vasta gamma di hostales nei quali soggiornare, potete fare un check un paio di gironi prima su www.hostelbooking.com o www.hostelword.com, cercate di non andare senza una prenotazione altrimenti rischiate di passeggiare molto con zaino in spalla. Personalmente ho scelto Yagan House (O’Higgins 584) una piccola casa di legno gestita da una ragazza, molto accogliente, ottima colazione letti grandi con piumini d’oca, docce con idromassaggio; ha la possibilità di prenotare una stanza singola con bagno al piano. Molto amato dai viaggiatori zaino in spalla sono: Kawashka Backpachers  (backpackerskawashkar@yahoo.es) che è spesso pieno, e Tin House Patagonia (Mirafolores 616).

Puerto Natales - Chile - Patagonia

Puerto Natales – Chile – Patagonia

La Patagonia cilena è leggermente più cara di quella argentina, specialmente le escursioni. Invece il lato positivo degli hostels è che sono quasi tutti piccoli come delle case private e quindi l’ambiente è molto più raccolto ed accogliente. Per una cena nutriente ed economica vi consiglio la Pica di Carlito, il posto più frequentato dai backpackers under 30! Potete mangiare una bistecca più birra a 5000 Ch$. Se prediligete l’ambiente vi consiglio una serie di ristorantini intorno alla Plaza de las Armas, rilassatevi sui cuscini del Living dove potrete perdervi nei vostri pensieri leggendo e navigando con il wi-fi o cenate al conosciuto La Mensita Grande, una pizzeria con tavoli sociali ambiente giovane ed essenziale, se siete stanchi vi fa anche il delivery in hostal. Se invece volete passeggiare per il paesino cenate alla Borbuja, ha l’aspetto di un ristornate per famiglie numerose  ma propone enormi grigliate di pesce e carne o potete provare l’atmosfera di Agua Tierra.

Pescatore a Puerto Natales - Chile -Patagonia

Pescatore a Puerto Natales – Chile -Patagonia

La maggior parte dei viaggiatori che incontrerete faranno la famosa W, un percorso di trekking di 3 o 5 giorni dormendo nei rifugi nel Parque de las Torres del Paine. Tornando indietro o meglio dire la prossima volta, lo farei senza dubbio. Il percorso è quasi totalmente pianeggiate perché si cammina solo nelle valli ed il paesaggio è davvero vario. Se ci si va d’estate non si ha neanche il problema del freddo. L’unico aspetto che biasimo di Puerto Natales/Torres del Paine, sono le informazioni. Nessuno ti sa dare informazioni sul parco, su se è possibile fare dei percorsi con una guida o se ci sono itinerari più corti rispetto alla W, su dove dormire al interno del parco. Io viaggiando da sola non me la sono sentita (sbagliando) di affrontare las Torres da sola e quindi ho prenotato un one day tour (18000 Ch$ + 14000CH$ per entrare al Parco) nel quale è possibile visitare tutte le principali attrazioni del Parco con un pullman intervallato da qualche passeggiata e da un pic nic con vista sul Macizo Admirante Nieto. Mi sono sentita un po’ troppo giapponese a Firenze, ma il paesaggio era davvero stupendo. Alcuni ragazzi hanno optato per una scelta davvero furba, anche se nessuno te la opzionava quando compravi l’escursione, hanno fatto quasi tutta l’escursione giornaliera fermandosi verso la fine in un rifugio all’interno del parco in modo da fare il giorno dopo trekking  e ritornare con lo stesso pullman a Puerto Natales. Io vi consiglio di cuore di contattare Angelo (www.espirtupatagon.net angelokayak@gmail.com) è una guida fantastica, vi progetterà delle giornate su misura, alternando trekking al kayak alle cavalcate, è nato a Torres del Paine conosce ogni minimo sentiero!

Torres del Paine - Chile -Patagonia

Torres del Paine – Chile -Patagonia

La cittadina di Puerto Natales si trova all’ingresso del Fiordo dell’Ultima Speranza, quello che ha scoperto Magellano per passare da un oceano all’altro, in poche parole nel messo del nulla. Se avete tempo, vi consiglio di fare la navigazione nel Parque Nacional Bernardo O’Higgins (65000 CH$) che prevede la risalita del fiordo con una barca fermandosi ad osservare splendide cascate, cormorani, leoni marini ed un piccolo trekking sulle rive del ghiacciaio Serrano, stupendo! Il pomeriggio si può articolare in due modi, o concludere con un buonissimo cordero asado in una estancia vicina o se siete più avventurosi potete risalire il fiume Serrano su di un gommone, osservare i salmoni che risalgono la corrente, attraversare una cascata per poi arrivare all’estancia Balmaceda nel Parque de las Torres del Paine, dove pranzare e poi con una guida personale percorrere le tappe più belle del parco compreso un trekking di 2h sulla spiaggia del Lago Gray, fino al mirador. L’escursione completa dura 14h e ha un costo proibitivo (135000 CH$) ammenocchè non sia la vostra unica escursione nella Patagonia cilena, non ne vale la pena perché  la giornata si rivelerà davvero molto stancante ed avrà un costo completamente fuori mercato. Sta per avvicinarsi l’ultima tappa del mio viaggio, ritorno verso El Calafate e prendo un volo per Ushuaia, la città più a sud del mondo.

Pinguini ad Ushuaia - Patagonia

Pinguini ad Ushuaia – Patagonia

Non ci sono transfer dall’aeroporto alla città quindi l’unica soluzione risulta essere il taxi, circa 20Ar$. Io alloggio al Free Style Hostel, uno dei più movimentati e giovanili della città.
Ha una stupenda sala all’ultimo piano con delle enormi vetrate che affacciano sul mare. Le stanze sono grandi e spaziose e la colazione è varia ed abbondante. Molto frequentato dai giovani è Antartica Hostel, altrimenti se siete alla ricerca di qualcosa di più curato andate all’Alto Andino, la vista e bellissima e non dovrete condividere il bagno al piano.

Finalmente a Ushuaia potrete mangiare un buon pesce, anzi potrete mangiare una cosa davvero speciale la centolla una granseola enorme che può essere cucinata in innumerevoli modi, io vi consiglio la Cantina Fueguina Freddy Marisqueria che vi fornirà anche il megabavaglino per non sporcarvi. Se invece non volete perdervi l’occasione per un asado andate da Bodegòn Fueguino o se siete particolarmente affamati da La Rueda che prevede un menù all you can eat. Sulla Calle Martin ci sono diversi Bar Gourmet dove poter mangiare o o semplicemente prendere un buonissimo dolce!

Pinguini ad Ushuaia - Patagonia

Pinguini ad Ushuaia – Patagonia

La prima cosa da fare arrivati ad Ushuaia è scegliere tra la variegata offerta turistica; se andate d’estate data la lunghezza delle giornate, quasi ogni escursione è prevista sia la mattina che il pomeriggio.
Per la navigazione del Canale di Beagle io ho scelto una compagnia che si chiama Las Tres Marias, molto famosa perché è l’unica ad effettuare l’escursione o con una barca a vela o con una minuscola barca da pesca ed è l’unica ad avere i diritti per effettuare un trekking nella isola H. Ci sono anche altre agenzie che prevedono un’escursione su barche massimo da 12 posti, l’importante è non scegliere il catamarano formato gita americana. Immancabile la vista alla Estancia Halberton per vedere i pinguini! È un momento in cui tutti ritornano bambini, camminare in una spiaggia con più di 10.000 pinguini, pieno di tane dove i pinguini si alternano nella cova delle uova. Dopo un paio di ore nella ventosa isola dei pinguini, non perdetevi un te ed una fetta di torta in perfetto stile inglese nella caffetteria Halberton. Un pomeriggio ritagliatevi un ora per vedere il Mueso Yamana, (in pieno centro) non troverete molto, ma le foto e le ricostruzioni vi  illustreranno la vita di un popolo che non sapevate neanche che esistesse.

Canale di Beagle - Ushuaia - Patagonia

Canale di Beagle – Ushuaia – Patagonia

Dedicate un giorno intero al trekking nel Parque de la Tierra del Fuego, è un percorso molto facile che può durare da 3 a 8 ore. Si arriva nel parco con un bus prenotabile in ogni albergo/hostal, si sceglie dove farsi lasciare e dove farsi riprendere. Il parco è bellissimo, c’è una passeggiata molto lunga sulla riva del mare con uno spettacolo davvero insolito perché vedrete una spiaggia cristallina come la costa azzurra contornata da montagne innevate. Arrivate fino alla Bahia Lapatia dove termina la Routa N°3, scattate una foto, ed aspettate il vostro pullman per tornare a casa! E’ ufficiale siete al fin del mundo!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Scroll To Top