Ultime notizie
Ti trovi qui: Home / Racconti di Viaggio / Viaggi in Sudamerica / Perù / Una notte di luna piena

Una notte di luna piena

A volte ci sono spettacoli talmente belli che quando li viviamo non riusciamo ad apprezzarli.

Quando ero ad Arequipa ho deciso di andare tre giorni nel Canyon del Colca, il più profondo canyon del mondo, parliamo di più di 3000 m, molto di più rispetto allo Utha , la maggior parte dei turisti arrivano li per vedere il volo del condor, che ovviamente è uno spettacolo davvero emozionante, ma io ho deciso di scendere il canyon fino alla valle, circa 1000 metri di dislivello.

Si scende ovviamente a piedi per circa 2h all’inizio lo spettacolo e bello e il sentiero neanche troppo difficile poi inizia a diventare pieno di sabbia e ripido, molto scivoloso e il sole cocente rende tutto davvero stancante. L’obiettivo è raggiungere l’oasi, una valle di palme e  bananeti con bungalow e piscine, dalla strada sembra vicino e come tutte le cose desiderabili sottovalutiamo la difficoltà nel raggiungerle. Continuiamo a scendere e i polpacci iniziano ad indolenzirsi, gli ultimi 20 minuti sono i peggiori. Arrivati nell’oasi la piscina è limpidissima e il bagno in quelle acque gelide molto rinvigorente. La nostra guida ci cucina il pranzo e noi passiamo il pomeriggio sdraiati sull’erba sonnecchiando e bevendo birra. La notte si dorme in tenda, sistemiamo tutte le nostre cose prima che faccia buio perché non c’è elettricità e poi con le nostre tecnicissime torce illuminiamo la cena, ma stranamente la valle si illumina di nuovo. Era una notte di luna piena, uno spettacolo irripetibile, nel canyon senza umidità e lontano da ogni città la luna splende molto di più, immaginate di trovarvi in una fessura profonda scavata nella roccia e l’unica cosa che vedete sopra di voi è una enorme arancia rossa, talmente accesa che si possono vedere benissimo anche le montagne più lontane. Mi sono davvero emozionata, spesso nelle nostre città la luna piena è solo un perfetto contorno ad una serata ma non riusciamo mai ad apprezzarne la luminosità, ancora una volta la modernità ci allontana dall’ apprezzare la semplicità della natura.

{jcomments on}

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Scroll To Top