Ultime notizie
Ti trovi qui: Home / Racconti di Viaggio / Viaggi in Sudamerica / Colombia / Il santuario di Monserrate tra sport e religione

Il santuario di Monserrate tra sport e religione

Ogni persona di Bogotà che incontrerete vi dirà di salire sul Cerro Monserate per ammirare la vista e pregare nel santuario di Cristo del Monserrate. Si narrano diverse storie di aggressioni e furti avvenuti durante il percorso, ma in realtà c’è una cosa molto semplice da fare, basta fare il cammino durante il week end o altrimenti prede la funivia o la funicolare per salire e scendere. Bogotà è una delle città più alte del mondo, ci troviamo a 2600mslm il Cerro è la montagna più alta della valle arriva a 3152 mslm e il cammino è lungo 2500m, quasi tutto di scale, quindi se siete appena arrivati e non ancora acclimatati all altezza, evitàte di farlo a piedi. Io ci ho provato il giorno dopo essere atterrata e dopo i primi 350 metri avevo tachicardia e la testa che pulsava, quindi ho optato per la funicolare.

 

Troverete più di una persona perfettamente vestito da corsa che coglie l’occasione domenicale del pellegrinaggio come momento di esercizio settimanale e fa il percorso anche tre volte! Senza bombola d’ossiggeno!!!! Come praticamente ovunque in Sudamerica ogni occasione è buona per mangiare, quindi per i primi 300m incontrerete decine di venditori ambulanti che vendono e preparano al momento ogni tipo di street food,ma meglio mangiare al ritorno. Il santuario ha davvero un importanza religiosa rilevante, ogni domenica accoglie più di 40000 fedeli e durate tutto il cammino si vendono ex voto da offire o crocifissi e medagliette da benedire. Ho avuto la fortuna di arrivare poco prima che iniziasse la messa solenne delle 12 e per una pura casualità era celebrata dall arcivescovo di Bogotà e presenziata da una decina di vescovi. La chiesa era gremita di persone, che gestiscono gli spazi e i la ritualità in maniera molto diver da noi europei, si occupa tranquillamente lo spazio della navata ce tra,e tra i due banchi, le persone si seguono per terra, i bambini giocano e corrono, e qualsi tutti riprendono la messa con in cellulare! A die il vero a me piacciono molto le messe in America Latina, specialmente la parte musicale e di comunità , a prescinedere che siate più o meno cattolici, se vi capita di andare a messa in Sudamericam fate molta attenzione al momento della “pace” , tutti alzano e si scambiano baci affettuosi, si crea un vero e proprio marasma, domenica una coppia che era a fianco a me in funicolare, si è avvicinata appositamente da tre banchi di distanza per augurarmi la pace, sarò sensibile in certe cose però a me è sempre un momento che emoziona molto!

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Scroll To Top